Viaggio in Provenza a Isle sur la Surge

Viaggio in Provenza a Isle sur la Surge

Avete tanta voglia di fare un viaggio ma poco tempo a disposizione ?
Allora vi trovate come me che ho scelto di visitare la Provenza in soli 4 giorni!
La regione è ricca di luoghi bellissimi da vedere, dovendo selezionare per mancanza di tempo ho deciso di non fermarmi a Marsiglia bensì di spostarmi nel cuore della Provenza, esattamente nella zona  Alpi-Costa Azzurra  alla scoperta degli affascinanti Villaggi sull’acqua. 

isle sur le Surge

Le guide consigliano di visitare  L’Isle sur la Sourge, Pernes le Fontaines, Fontaine de Vaucluse, antichi borghi di pescatori di gamberi dove l’acqua dell’impetuoso fiume Sourge  scorre nei canali, sulle ruote di antichi mulini, nelle originali fontane completamente ricoperte di muschio.
Isle sur la Sourge è stata quindi la prima tappa del mio viaggio dopo aver percorso in macchina circa 70 km. da Marsiglia.
Il paese è chiamato la Venezia della Francia perchè oltre ad essere uno dei paesi più belli della Provenza è  circondato e attraversato nel cuore da un reticolo di canali dove scorre l’acqua trasparente e fresca del fiume Sourge.

canali nel centro di Isle sur la Sourge

All’arrivo mi sono rivolta al’ ufficio del turismo per avere una cartina e usando un italiano coretto, la signorina dell’ufficio mi ha consigliato il “waterweelh circuite”,  una passeggiata nel paese costeggiando i canali dove 15 mulini, vere e proprie antichce ruote idrauliche ricoperte di muschio, ancora oggi, continuano a girare.   
I mulini ad acqua di Isle sur la Surge, mi ha spiegato con cortesia l’impiegata, un tempo servivano per la fabbricazione di prodotti locali come la lana e la seta, ed oggi sono la principale attrazione turistica del luogo.
Da vedere anche la Torre di Argen e la chiesa di Notre Dame des Anges. 

Così ho iniziato la passeggiata perdendomi nelle stradine nel centro di Isle sur la Surge, respirando l’atmosfera della Provenza che immaginavo.

Case sonnolente, finestre circondate da verde e persiane grigio chiaro, antichi shops, piccoli vicoli, canali dove l’acqua del fiume scorre acqua fresca e trasparente cullando con lentezza cigni e germani reali.

I vicoli nel centro del paese sono davvero stracolmi di negozi, di cui circa 300 sono di antiquariato e di mobili ed oggetti Vintage, i “Brocanti”.  Per chi ama l’artiquariato è bello sapere che ogni domenica mattina a Isle Sur la Surge si può visitare il mercato dell’antiquariato dove rovistando su bancarelle sparse in tutto il centro storico, si può di trovare di tutto, mobili usati, oggetti vintage, vestiti, a prezzi accessibili. Nel periodo di Pasqua Isle Sur la Sorge, che è il terzo mercato al mondo dell’antiquariato, ospita addirittura la Fiera Internazionale dell’Antiquariato!    Il profumo i lavanda mi accompagna  nelle stradine del centro di Isle sur la Sorge. Mazzi di lavanda sono appesi a testa in giù sui muri delle case o  allineati in cesti di vimini fuori le porte. Saponette lilla infiocchettate sono ordinate su mensole bianche insieme barattolini di creme e piccole ampolle con olii essenziali. Bellissime borse di tela e di pelle, cappelli di paglia, teli di canapa ed abiti in cotone dai colori chiari,  svolazzano all’esterno dei mille piccoli e deliziosi negozi del centro.


Nel piccolo paese la prima domenica del mese di agosto dalle 09.00  alle 12.00 si può visitare il mercato galleggiante.  Sulle ” Nego-Chin” , così sono chiamate le  tipiche imbarcazioni a fondo piatto che permettono di galleggiare sui canali, si possono assaggiare ed acquistare prodotti locali, come il formaggio ed il vino insieme alla frutta e alla verdura e mazzi di lavanda.


Tavolini di bar e di ristoranti doverosamente in ” shabby chic” ci  invitano a sostare sulle terrazze sull’acqua per assaporare un  bicchiere di vino rosè e mangiare pesce freschissimo.

Al numero 2 della Avenue du Gènèral de Gaulle ho trovato il Bar, Hotel, Restaurant Le Terrrasses du Bassin  completamente arredato in stile Vintage, dove abbiamo dormito benissimo non spendendo molto, e dove la sera, seduti sulla terrazza sopra il canale abbiamo mangiato ottimo pesce fresco.

Posso dire che, anche se il viaggio è stato molto breve, la Provenza mi ha regalato un’ infinità di emozioni intense, di sapori di profumi e di colori, davvero tanta roba da portare via!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.